Ilaria D’Amico: «Sprechi a Santa Lucia? Abbiamo ancora tanto da raccontare»

Pubblicato: dicembre 25, 2007 in Senza Categoria
Ilaria D’Amico non lascia scampo: «Torneremo presto ad accendere i riflettori sugli sprechi della Regione Campania. Credo che i fatti che abbiamo raccontato parlino chiaro. Ora, siamo in possesso di ulteriori segnalazioni. Siamo pronti ad ulteriori approfondimenti». I casi denunciati dal servizio inchiesta di Exit, la trasmissione condotta dalla D’Amico, riguardano la messe di ordini del giorno presentata alla fine dell’anno scorso da numerosi consiglieri regionali campani del centrodestra e del centrosinistra.

Finanziamenti a pioggia ad associazioni inesistenti, fondazioni non ancora costituite ed enti fantasma. Insomma, l’ennesimo caso di spreco assortito, rivestito di una glassa di clientelismo, e confezionato serialmente dai consiglieri.
Sul blog della trasmissione della D’Amico gli spettatori incalzano: «Brava Ilaria — scrive Romina — mi piacerebbe che approfondissi il tema del servizio civile nel Meridione e l’uso politico che se ne fa a proposito della fabbrica del consenso »; «È possibile — chiede Fabio — che questi fatti, mostrati in Tv, non producano niente? In un paese normale ci sarebbero state dimissioni, scandali, denuncie … da noi, niente di tutto questo»; «Continua così — esorta Patrizia — e fra sei mesi controlla se la tua inchiesta ha portato i frutti desiderati. Non mollare»; «In Campania — commenta Andrea — sono i soliti artisti dell’intrallazzo: la storia dei soldi per l’associazione sul filosofo illuminista che organizza tornei di playstation è da commedia all’italiana. Ma in Toscana non è diverso. Solo che là sono artisti da baraccone, qua invece sono professionisti benpensanti e raffinatissimi». Pasquale Sommese, potente consigliere regionale ex Margherita, nel servizio rifiuta di farsi intervistare. Ma lui nega: «Hanno tagliato la mia intervista — ribatte — poiché non andava nel verso desiderato. Infatti, il mio ordine del giorno, presentato a fine 2006, era rivolto ad ottenere un finanziamento per il restauro della statua di Partenope sul Teatro San Carlo ». E gli ordini del giorno per centinaia di migliaia di euro presentati e approvati in consiglio a favore di fondazioni e associazioni inesistenti?
«Il problema — tenta di spiegare Sommese — non è rappresentato dalla procedura che, anzi, garantisce il massimo dalla trasparenza, bensì dai contenuti. E solo grazie alla vigilanza dell’opinione pubblica si può stabilire se un ordine del giorno è da considerarsi congruo o meno». Sandra Lonardo, presidente del consiglio regionale, annuncia «che quest’anno manterrò un atteggiamento più vigile. Occorre non una Finanziaria omnibus, ma chiara e precisa. Occorre stabilire un’intesa con l’assessore al bilancio perché si concordi già in commissione quali ordini del giorno meritano di essere finanziati ». Salvatore Ronghi, di An, vicepresidente del consiglio regionale, è pronto a fornire nuovi spunti di inchiesta: «L’unico modo per uscirne — afferma — è di stipulare un accordo etico tra tutti i consiglieri regionali per porre fine agli ordini del giorno, ma anche al collegato travestito della Finanziaria.
Per ora, un fatto è certo: dopo le mie denunce credo sia a rischio anche la mia elezione di riconferma nell’ufficio di presidenza. Ho visto sguardi di disapprovazione trasversali nei miei confronti».
A proposito dell’associazione Vesuviana la cui sede di Boscotrecase, in via Rosa 99, non è stata rinvenuta dal giornalista de La7. Ad essa sono stati previsti 140 mila euro grazie ad uno dei tanti ordini del giorno del dicembre 2006. L’associazione dovrebbe promuovere eventi per far conoscere la strada di collegamento tra Boscotrecase e il Vesuvio.

Ebbene, l’appalto per quella strada è stato appena assegnato.

Quasi un anno dopo quell’ordine del giorno con il quale si sarebbe dovuta sostenere l’attività di promozione di un’associazione senza sede e senza scopo, dato che la strada da promuovere non esiste ancora.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...